Marketing, Self development, Social media
Comment 1

Le 5 skills che ogni Marketer dovrebbe avere.

Vi siete mai chiesti cosa ci vuole per diventare un grande esperto di Marketing?

Le cose sono molto cambiate negli ultimi anni, da quando si leggeva e studiava il grande libro del Prof. P. Kotler sul marketing management, alcune cose sono rismaste, ma la rivoluzione tecnologica in atto ha rotto degli equilibri e per competere nel mercato di oggi le skills dei marketers devono essere ulteriormente ampliate.

Il marketing moderno è un mix di scienza, numeri, analisi, velocità, comprensione delle nuove piattaforme di digital marketing, condito con una bella base di marketing classico come il trade marketing, le ricerche di mercato, la pianificazione media (Tv, stampa, radio ecc.) e con una glassa fatta di creatività  e di story telling.

Si diventa un ibrido metà Artisti e per metà degli scienziati.

d40e548fee3de8ac02075c368e3bbce5

Per sopravvivvere un vero Marketer oggi deve avere variate skills e non può mai smettere mai di aggiornarsi ed imparare.

Pronti per la sfida?

Ecco qui le 5 skills fondamentali per il 2016 per fare del vostro lavoro un eccellenza di marketing

1. Analisi

analysis-hands-graph-chart.jpg

Il Marketing è basato su diversi tipi di analisi:

– Analisi sul consumatore (ricerche di mercato, qualitative e quantitative)

– Analisi sulle piattaforme digitali (analisi sul sito con google analytics, analisi delle numeriche sui social media, engagement, followers, analisi delle campagne di email marketing, crm)

– Analisi dei dati di vendita di sell-in e di sell out (ovvero le vendite dei negozi al consumatore)

– Analisi sul ROI (Return on investment) quello che va per la maggiore, qualsiasi attività di marketing deve dimostrare che ha portato un ritorno sugli investimenti fatti.

Dovete diventare un pro nella lettura ed interpretazione dei dati.

2. Digital

In un universo così in evoluzione e con la nascita di diverse piattaforme ogni giorno, ci si affida spesso ad una agenzia di competenza verticale per capire le dinamiche che stanno dietro soprattutto a : Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, ecc..

Pinterest non ha trovato ancora una sua identità in Italia e Twitter sta un po’ arrancando. Quindi per il 2016 meglio focalizzarsi su Facebok e Instagram.

Non contate solo i fans, ma cercate l’engagement con i vostri ambassador, fate promo ad hoc per loro ed invitateli alla discussione, sono loro che fanno la pagina di facebook non voi!

3. Comunicazione classica

l budget delle grosse aziende non è ancora per il 100% fatto di digital, oltre il 70% dei budget è dedicato a Tv, Stampa, Radio, Affissioni , Direct marketing.

Un buon marketer deve avere assoluta padronanza di questi mezzi per poi integrarli con i nuovi strumenti digital. Il file rouge che lega tutto deve essere la coerenza di campagna, online, offline negli store ovunque.

4. Trade marketing

Non esiste solo il marketing dedicato al consumatore, ma anche il trade, il punto di congiunzione fisico fra il vostro prodotto e il consumatore.

Il trade marketing è una funzione fra le vendite e il marketing e supporta i retailers con attività promozionali, volantini, materiale in store POP.

Amazon è sicuramente in crescita, ma in Italia abbiamo ancora la maggior parte delle persone che comprano nei retailer fisici.

5. Creatività e coraggio

Le analisi sono fondamentali per prendere decisioni, ma è poi la creatività, la capacità di raccontare una storia che crea forti legami fra il prodotto, la marca e i consumatori.

Usate agenzie creative disruptive, fate dello story telling una cardine fondamentale, fate sessione creative nel vostro staff.

Soprattutto abbiate il coraggio di cambiare le cose, le agenzie, i partner con cui lavorate, o altrimenti date loro dei challenge diversi.

La routine nel business, nel marketing porta alla noia e la noia porta all’infedeltà del consumatore.

In conclusione dovrete veramente essere un po’ artisti e un po’ scienziati, ma ne varrà la pena per la vostra crescita professionale e per il legame che la vostra azienda instaurerà con i consumatori.

 

Raccontateci cosa ne pensate, fateci degli esempi e perchè no aumentando la lista degli skills fondamentali per un marketer moderno.

Namaste

Petra

 

1 Comment

  1. Pingback: Il marketing è solo per i matti. | AGATAMARKETING

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.