All posts filed under: Branding

#FightPlastic ora. Perché SodaStream ci ha portato in Honduras.

Lo so, la foto vi ha dato fastidio, bene. Allora sappiate che esattamente lì ho passato 4 ore di una mattina di ottobre con 30 gradi e umidità all’80% e si assieme a dei miei colleghi ho pulito e pulito e pulito, con una mano sul naso per non sentire l’odore e con dei guanti che si bagnavano ogni 2 minuti di quella melma. Al mio ritorno il pensiero di usare una bottiglia di plastica mi faceva venire la nausea, assieme ai miei colleghi siamo rimasti turbati da questo viaggio e ci sentiamo di portare il nostro messaggio a tutti, perchè una cosa  è vedere tutta quella plastica maleodorante in Tv e una cosa è starci in mezzo e pulire. Ma perchè Il CEO Daniel Birnbaum ha organizzato questo viaggio a Roàtan con 150 dirigenti di SodaStream da tutto il mondo, e ha coinvolto scuole locali e organizzazioni ambientali per la pulizia del mar dei Caraibi e delle spiagge di Roatán?

Progetti belli: IED e il nuovo design delle bottiglie SodaStream. (Special Edition)

3 bottiglie, un’azienda, 16 studenti e una grande dose di creatività. Ecco gli ingredienti del progetto F**K Plastic Bottles…The Soda Challenge! Una sfida che mette in primo piano la battaglia di SodaStream Italia contro l’utilizzo eccessivo di bottiglie di plastica, coinvolgendo il talento di giovani creativi dello IED di Milano per l’ideazione di una Special Edition di design.

Il marketing non è solo comunicazione. Facciamo chiarezza.

Ho avuto dei commenti interessanti nell’ultimo post di marketing che ho scritto:“Le 5 skills che ogni Marketerer dovrebbe avere nel 2017” e soprattuto uno mi ha colpito e mi ha ispirato a scrivere questo post. Massimo Pavan ha commentanto dicendo: ..si porta a confondere spesso il marketing (quella meravigliosa disciplina che porta “la vendita al superfluo”) con la comunicazione di un oggetto/servizio che già esiste. In effetti ha ragione lui il marketing è spesso confuso o addiritura vienne usato come sinonimo di comunicazione.

Carpisa, Buondì e Ikea c’è qualcuno che vince?

Si è scritto tanto lo so, ma con una settimana così intensa non riesco a non parlarne. In 4 giorni abbiamo avuto degli esempi di comunicazione piuttosto bizzarri, dai toni ironici e spesso borderline. Le nostre mamme e papà del “mulino bianco” sono stati polverizzati da un’asteroide, chi cerca lavoro si deve comprare prima una borsa, e chi come Ikea ci mostra come nel ‘700 avevano la smania di condivisione delle loro “foto”per ottenere like. Seguitemi in questa mini soap opera.

Il nuovo look di Instagram, da dove nasce?

Le cose che cambiano spesso facciamo fatica a digerirle. Il cambiamento porta sempre in sè la fine di qualche cosa, ma anche l’inizio di un nuovo percorso. Questa è stata la sensazione che ho avvertito stamattina guardando il mio Iphone. Sul mio cellulare era comparsa una nuova icona che facevo fatica a riconoscere, fino a quando non ho visto la scritta Instragram. Prima reazione oddio, ma che hanno fatto..seguita poi dalla domanda perchè l’hanno fatto.

Prince, cantastorie e icona del branding.

A pochi giorni  dalla scomparsa di Prince, ho avuta una gran voglia di scrivere di lui, della sua storia, della sua musica e della sua personalità eccentrica che ha reso questo Artista un’icona. Uso volutamente i sostantivi Artista ed Icona. Artista: “chi esercita una delle arti, architettura, pittura, scultura, poesia e musica” ma anche, in un significato più esteso, “chi eccelle nel proprio lavoro, nell’attività che esercita, anche esprimendo una creatività particolare“. Prince, quindi, lo considero un Artista.