All posts filed under: News

Non riesco a leggere e a scrivere da quando c’è il Covid19.

Ci ho messo un pò a scrivere, a ritornare a scrivere, in queste settimane di sospensione, di lavoro a distanza, in questo tempo indescrivibile intriso di pulizie, preparazione di pranzi e cene , di passeggiate con il cane, di smart working e di videoconferenze, io non avevo più voglia di scrivere. Non avevo nemmeno più voglia di leggere, nemmeno un piccolo e banale romanzetto leggero stile “Harmony”, era come se la mia “memoria” fosse piena, come se non ci stesse più nulla nella mia testa e nel mio corpo perchè c’era già troppa robbba, la “roba” che non vuoi, che non capisci, che fa paura, che intristisce. Il troppo era ed è un insieme di informazioni sul COVID-19, numeri, decessi contagiati, insomma un bollettino di “guerra” contro uno sconosciuto ed invisibile virus. Un rito che si ripeteva e si ripete ogni giorno dopo le 18. Con il passare dei giorni ho cominciato a filtrare i dati, gli articoli, le statistiche, i numeri, le tendenze, le percentuali ad un certo punto ho detto basta e dopo …

Un inizio 2020 strano: Sanremo e l’età.

“Tutto scorre, nulla rimane fermo. Eraclito” Un inizio d’anno interessante, diverso, strano che mi ha fatto personalmente un pò paura. Twitter  è stata la mia lettura preferita sia a gennaio che a  febbraio,  è la mia fonte di news realtime  perchè riesce sempre con poche parole (il tweet) a cogliere il mood di questo anno bisesto, strampalato e folle : Tante cose successe in poche settimane che mi ha fatto riflettere sul cambiamento e su come tutto scorra, nulla si ferma, e la grande consapevolezza che NON siamo al centro dell’universo.L’altra cosa che mi ha fatto notare lo scorrere del tempo è stato Sanremo, guardando la classifica finale  dei famosi Big sono rimasta perplessa, (ha vinto un certo Diodato ma chi é?)  conoscevo  solo metà dei nomi in gara e allora mi sono detta, azzz qui si sta diventando vecchi e ho capito che la frase che cito durante i corsi sul digital vale anche per me: “Tutto ciò che è al mondo da quando sei nato è normale e ordinario. Lo consideri parte naturale del modo …

I Perennials gli over 40 digitali, in forma e molto green

Eccomi sono una Perennial? Over 40, amante della tecnologia, curiosa, super green, adoro lo yoga e le camminate in montagna? Allora partiamo dal nome che proprio non mi “garba” come dicono i miei amici toscani, pero’ effettivamente nella categoria mi ci ritrovo. Io la definirei di più come una tribù che non una categoria.

I giovani sono una generazione di analfabeti o creatori di una nuova cultura?

Gli ultimi risultati degli Invalsi 2019, i test che fanno nelle nostre scuole a partire dalle elementari fino alle medie sono usciti qualche giorno fa. Sono dati interessanti, anche allarmanti per qualcuno, perchè mostrano un generale abbassamento dei punteggi nelle varie materie e una spaccatura nei punteggi fra nord e sud. Nella lingua italiana il nord-ovest e il nord-est ottengono un punteggio uguale (210) e significativamente al di sopra della media italiana (200), il centro consegue un risultato pari a quello medio nazionale, mentre il sud e le isole conseguono punteggi significativamente al di sotto.

Il Marketing e la Bellezza secondo Adriano Olivetti.

“Noi crediamo nel potere illimitato delle forze spirituali: Amore, Verità, Giustizia, Bellezza. Gli uomini, le ideologie, gli Stati che dimenticheranno una sola di queste forze creative non potranno indicare a nessuno il cammino della civiltà.” Adriano Olivetti – Il mondo che nasce Una delle cose più emozionanti per il 2019 per me sarà sicuramentepartecipare a questo evento il 25 Gennaio a Bassano, non solo perché faròquattro chiacchiere con Sebastiano Zanolli, ma perché parleremo di un tema a me caro, ovvero di Marketing, di Digital e Bellezza.

Human Marketing, si può? Gli albori di un “rinascimento” culturale.

In queste ultime settimane, dopo il viaggio in Honduras a pulire le spiagge dalla plastica, ho preso sempre più coscienza di quanto il business e il marketing stiano cambiando e come alcune persone siano alla base di un nuovo movimento culturale ed economico. C’è una corrente sotterranea che fluisce sotto il volere di multinazionali, di imprenditori senza scrupoli, di chi offende la natura e le persone. Leggendo articoli o contenuti sui social capisco come le persone siano sempre più stanchi della volgarità intellettuale e verbale, stanchi di rapporti troppo digitali e poco analogici, stanchi del tempo che non basta mai, di ritmi serrati, stanchi di chi inquina il nostro pianeta, mari, boschi, fiumi e le nostre città senza rendersi conto del conto che, forse non noi, ma i nostri figli dovranno pagare.