Comunicazione, Marketing, Vendita
Comment 1

Black Friday: opportunità o incubo?

Sono giorni che vengo martellata da varie offerte di #blackfriday, da aziende, da portali, dalla tv, dalla radio, dai social network. Vi dirò da consumatrice mi sono sentita un po’ troppo tartassata da tutte queste offerte.

Il primo pensiero avuto questa mattina è come avrebbe reagito il Milanese Imbruttito dopo il Black Friday e Cyber Monday…mi immaginavo già una delle loro vignette: “E finalmente anche questo Black Friday ce lo siamo tolti dalle…. ”

Mi sono poi chiesta ma da dove venisse la parola “Black Friday”.

L’origine esatta rimane comunque incerta: secondo alcuni, infatti, farebbe riferimento alle annotazioni sui libri contabili dei commercianti che, tradizionalmente, passavano dal colore rosso (perdite) al colore nero (guadagni), per cui il Black Friday e indicherebbe un giorno di grandi guadagni per le attività commerciali. Da questo momento incomincerebbe il periodo dell’anno più proficuo per i rivenditori capace di portare in nero, quindi in attivo, i conti delle aziende commerciali.

Nel 1924, il giorno successivo al Ringraziamento, la catena di distribuzione Macy’s organizzò la prima parata per celebrare l’inizio dello shopping natalizio, ma fu solo negli anni ottanta che esplose il Black Friday negli Stati Uniti e oggi è popolare anche in altri paesi come Brasile, Regno Unito, Germania, Francia e Spagna ed è ormai molto diffuso su tutti gli e-commerce più famosi.

Il Black Friday è solitamente seguito dal Cyber Monday, il primo lunedì successivo, caratterizzato da grandi sconti relativi a prodotti di elettronica: in sostanza rappresenta la risposta dell’ecommerce al venerdì nero ed è caratterizzato da una massiccia offerta di ribassi esclusivamente online.

Sicuramente il Black Friday è un’opportunità per i retailers, ma anche e soprattutto per l’ecommerce, il vero eroe di questi giorni è stato Amazon, che da più di 10 gg ne parla constatemente.

Qui dall’Osservatorio Digitale gli ultimi dati sulle previsioni del Black Friday e Cyber Monday di quest’anno, avquisti in crescita da Mobile, tanti sconti su piccoli elettrodomestici e digital device.

Possiamo confermare quindi che il 2016 è stato l’anno che ha consacrato il Black Friday anche in Italia.

Lo dico perchè anche mia mamma (lei per me è il vero tester, quando l’nnovazione da early adopter diventa di massa) è andata per negozi cercando occasioni, lei non lo chiama Black Friday.. lo chiama sconti pazzi per 3 gg e mi ha raccontato: “i negozianti dicevano che fosse solo per Venerdi’, ma alla fine lo fanno tre giorni, e mi sono risolta tutti i regali di natale.”

Alla fine tutti felici, ma io vi dico che mi sono un po’ sentita tartassata e quindi non ho comprato nulla, la cosa che mi angosciava di piu’ era pensare alla ressa nei negozi e l’isteria su Amazon con la gente che alle 0.02 di Venerdi mattina era li che si puntava la sveglia per comprare i migliori deal.

Questa per me non è la vera Customer Experience, forse non sono il target per il Black Friday?

E a voi come è andato il weekend più nero dell’anno?

Namaste

Petra

1 Comment

  1. Pingback: Si vende di piu’ dopo Natale: ecco come attivare le promozioni post-natalizie | AGATAMARKETING

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.