All posts filed under: Self development

Un inizio 2020 strano: Sanremo e l’età.

“Tutto scorre, nulla rimane fermo. Eraclito” Un inizio d’anno interessante, diverso, strano che mi ha fatto personalmente un pò paura. Twitter  è stata la mia lettura preferita sia a gennaio che a  febbraio,  è la mia fonte di news realtime  perchè riesce sempre con poche parole (il tweet) a cogliere il mood di questo anno bisesto, strampalato e folle : Tante cose successe in poche settimane che mi ha fatto riflettere sul cambiamento e su come tutto scorra, nulla si ferma, e la grande consapevolezza che NON siamo al centro dell’universo.L’altra cosa che mi ha fatto notare lo scorrere del tempo è stato Sanremo, guardando la classifica finale  dei famosi Big sono rimasta perplessa, (ha vinto un certo Diodato ma chi é?)  conoscevo  solo metà dei nomi in gara e allora mi sono detta, azzz qui si sta diventando vecchi e ho capito che la frase che cito durante i corsi sul digital vale anche per me: “Tutto ciò che è al mondo da quando sei nato è normale e ordinario. Lo consideri parte naturale del modo …

I Perennials gli over 40 digitali, in forma e molto green

Eccomi sono una Perennial? Over 40, amante della tecnologia, curiosa, super green, adoro lo yoga e le camminate in montagna? Allora partiamo dal nome che proprio non mi “garba” come dicono i miei amici toscani, pero’ effettivamente nella categoria mi ci ritrovo. Io la definirei di più come una tribù che non una categoria.

Stressati? Meditazione, e mindfulness da provare.

I manager di oggi sono le persone che sono sottoposte al maggior stress possibile e pare che le donne manager soffrano molto di più rispetto ai colleghi maschi. Sicuramente c’è della verità in quello che dicono, per esperienza personale, da donna oltre al lavoro, quando rientro ho da seguire altre cose che si accumulano ed ecco perchè cerco di non saltare mai la mia lezione di Yoga, il mio angolo privato dedicato solo a me. Lo stress è la prima epidemia  della nostra civiltà (Deepak Chopra)

Ferie odi et amo? 3 cose positive e negative a confronto.

L’Italia è la terra dei creativi, dei procrastinatori, dei geni, dei fannulloni, del fantacalcio, delle veline e dei discorsi sul: “Dove vai in ferie?” che partono a fine giugno. E’ il paese che ad Agosto si ferma, entra in una bolla eterea che tiene l’economia, le agenzie, i clienti e tutti in uno stato limbico per un mese, non succede piu’ nulla, non si prendono decisioni.

Perché i manager italiani hanno una marcia in più.

Ho vissuto in tanti paesi, ho studiato e lavorato all’estero per grandi aziende internazionali e ho avuto l’opportunità di lavorare con persone di varie nazionalità. Non sono classista, non penso che ci sia una solo nazionalità che abbia più successo di un’altra nel marketing o in altre discipline, ma mi sono spesso chiesta lavorando in gruppi di lavoro con persone che provenivano da vari paesi, perchè gli italiani comunque spiccassero per un motivo o un altro. Italians do it better, why?